Logo di Cop26

Si è svolta a Glasgow la Cop26, la Conference of Parts che dal 1995 riunisce i leader mondiali per affrontare il cambiamento climatico. I risultati ottenuti dagli stati che hanno partecipato sono a nostra disposizione, ma saranno sufficienti a limitare le conseguenze disastrose dell’inquinamento nei secoli scorsi?

Gli Accordi di Parigi del 2015 nella Cop21 sono il punto di partenza di Cop26  . A Parigi si stabilì per la prima volta il limite di 1,5 gradi per l’aumento della temperatura globale. A Glasgow sono stati fissati i limiti dei piani nazionali per la riduzione delle emissioni di CO₂. È la prima volta che nelle dichiarazioni finali di una Cop si fa riferimento alla riduzione nell’utilizzo dei combustibili fossili. Dopo 26 anni, i leader mondiali si sono resi conto di un dato scientifico che gli scienziati di tutto il mondo ripetono da 60 anni.

 Durante la riunione gli stati hanno siglato alcuni accordi: la Beyond Oil and Gas Alliance, Powering Past Coal Alliance e la Global coal to clean power transition. Le ultime due puntano ad eliminare il carbone dalle fonti di energia, mentre la prima cerca di portare a una transizione da gas e petrolio a fonti rinnovabili.

Ma dopo tutti questi accordi tra stati, i risultati quali sono? Purtroppo sono piuttosto deludenti. Nella dichiarazione finale di Cop26 la dicitura “accelerare l’eliminazione graduale del carbone e dei sussidi ai combustibili fossili inefficienti” è stata modificata in “accelerare la riduzione graduale del carbone e dei sussidi ai combustibili fossili inefficienti”. Tutto ciò perché il carbone garantisce all’India il 55% del fabbisogno energetico.

Al momento la situazione è ottimistica, perché gli impegni attuali limitano l’incremento della temperatura globale a 1,8°C, anche se lo scenario migliore sarebbe l’aumento a 1,5°C, il cosiddetto zero netto. Gli stati manterranno le loro promesse o è stato solo l’ennesimo “Bla Bla Bla”?

Per chi volesse informarsi sul tema, consiglio i grafici del Sole 24 ore, che in modo semplice e con un semplice sguardo ci mostrano quanto sia serio il problema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.