il pianeta è nelle nostre mani                                                                                                                                                                              Questo articolo nasce da una discussione fatta in classe con i miei compagni e con la docente di educazione fisica riguardo l’ambiente e le possibili soluzioni a uno dei problemi più gravi della nostra esistenza. Insieme alla mia classe abbiamo riflettuto circa il problema della deforestazione in Amazzonia e lo sfruttamento nei paesi meno sviluppati, da queste tematiche sono sorte altre questioni e possibili soluzioni.

In particolare abbiamo capito che se ognuno fa la propria parte e inizia a compiere semplici gesti, come ridurre la presenza di carne nell’alimentazione quotidiana, riciclare ed evitare di gettare plastica nella natura, ma anche prestare attenzione ai prodotti alimentari usati nel proprio stile di vita, le cose possono realmente iniziare a cambiare. La terra è la nostra casa ed è pertanto necessario prendersene cura, perché è il luogo in cui dobbiamo vivere e che dobbiamo preservare per le generazioni future.

Durante la discussione è proprio sorta la seguente questione, ovvero quella di quanto sia importante discutere della tematica ambientale e partecipare attivamente alla risoluzione del problema. Infatti si sente spesso parlare  dell’ambiente, e sembra scontato riflettere sull’argomento, ma è necessario farlo, soprattutto per informare più persone possibili riguardo la gravità dei danni compiuti dall’uomo. Nel nostro mondo digitalizzato e moderno è importante utilizzare i nuovi media per conoscere le possibili soluzioni al problema ambientale, ma non solo; infatti esistono moltissime attività che possono educare la generazione Z al sostenibile, per esempio il motore di ricerca Ecosia che funziona come google, ma che, dopo una serie di ricerche, permette di raccogliere il denaro sufficiente per poi piantare un albero, oppure Treedom, quel sito che  permette di regalare un albero chsarà piantato in una delle tante foreste esistenti sul nostro pianeta. Da ciò si comprende facilmente quanto le piccole attività possano davvero essere il punto di partenza per il cambiamento.

Treedom: Pianta o Regala un Albero e segui la Storia Online

gli effetti dell’inquinamento

Il mio intento con questo articolo è  ribadire la necessità di parlare e discutere dell’argomento; la scuola e i giovani hanno infatti un ruolo centrale non solo riguardo la già più voltcitata questione ambientale, ma anche riguardo tutte le questioni politiche e sociali. Concludo sottolineando ancora una volta quanto davvero i social e la scuola possano influenzare e informare i giovani con attività collettive, progetti, attività all’aria aperta (la raccolta dei rifiuti per esempio), ma anche raccolte di vestiti usati e oggetti tecnologici non completamente malfunzionanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.